Vai al contenuto

Investimenti immobiliari: Le migliori città al mondo

new york skyline

Investimenti: cambiamenti degli ultimi anni, l’egemonia degli Stati Uniti e l’ascesa dell’Asia.

Negli ultimi anni sono stati registrati cambiamenti di notevole interesse nell’ambito del ranking globale delle città maggiormente appetibili per il mercato immobiliare. Secondo il report della società d’investimento globale Schroders, a dominare la classifica sono gli Stati Uniti, con ben cinque metropoli nella sola top ten. Los Angeles al primo posto, Boston al terzo, a seguire Chicago e New York, e infine Houston al settimo. 

Le città dell’estremo oriente occupano uno spazio decisamente rilevante con Hong Kong, Shangai e Singapore, rispettivamente al  sesto, nono e decimo posto. All’ottavo posto si qualifica la città australiana di Melbourne, mentre sul secondo gradino del podio si stabilisce Londra a rappresentare l’Europa, dopo aver ceduto alla metropoli californiana la posizione apicale conquistata negli anni precedenti. 

I fattori che sanciscono il successo e attraggono gli investimenti

I criteri che influenzano nella maniera più determinante il grado di attrazione degli investimenti nel settore immobiliare possono essere sintetizzati in una quadruplice ripartizione composta da economia, ambiente, sviluppo delle innovazioni  e trasporti.

La crescita economica, tra sviluppo e benessere finanziario

La crescita economica di un centro urbano costituisce ovviamente un fattore di estrema importanza per garantire investimenti vincenti. Corrisponde ad un proporzionale incremento della popolazione residente di età superiore ai quindici anni parallelamente alla capacità di soddisfare la sua domanda di impiego, fornendo un reddito che mediamente sia reputato in grado di fornire sicurezza e assicurare un determinato livello di qualità di vita. L’osservazione del rapporto fra entrate e spese nei quadri economici familiari evidenzia nella maniera più immediata la ricchezza di una città e di conseguenza il benessere che può offrire dal punto di vista finanziario. Dirimente è la constatazione, inoltre, della presenza di aziende o industrie afferenti a diversi settori produttivi, spesso rinomate o in fase di progresso, e la qualificazione della città come ambita meta turistica.

Impatto ambientale, progetti di sostenibilità e qualità della vita

In secondo luogo, risulta un parametro valutativo fondamentale il grado di sostenibilità raggiunto da una città e i progetti realizzati per migliorare le pratiche sociali a suo sostegno. Una popolazione in crescita comporta inevitabilmente l’adesione a una politica di regolamentazione dell’impatto ambientale capace di offrire una risposta adeguata alle necessità che emergono all’interno di un contesto urbano contemporaneo. Dal contenimento dei rischi di dissesti idrogeologici causati dai mutamenti climatici all’assicurazione della buona salute dei cittadini in rapporto alla qualità dell’aria e dell’acqua, oltre che alle modalità di distribuzione dell’energia.

Università di alto livello e sviluppi innovativi, un rapporto di reciproca influenza

In questa rete di connessioni, i fattori si influenzano reciprocamente. Si manifesta chiaramente nell’esame della conformazione sociale di un centro urbano, un legame inscindibile fra innovazione, livello dell’istruzione e sviluppo economico. Le città nelle quali le possibilità di mettere in campo progetti efficienti, in linea con un processo di crescita delle innovazioni nel sistema produttivo, sono le stesse nelle quali è possibile trovare le università migliori. La presenza di centri accademici di prestigio, catalizza certamente le dinamiche di sviluppo economico e culturale cittadino, creando una vivace circolazione di idee e lavoro. Naturalmente tutto ciò non può che  influenzare positivamente l’interesse per investimenti di carattere immobiliare.

La connessione di tutti i punti: la forza dei trasporti efficienti

Infine perché questo organismo urbano funzioni correttamente, occorre necessariamente garantire un sistema di trasporti moderno ed efficiente. Le città migliori sono anche quelle che ripongono particolare attenzione nella possibilità dei suoi abitanti di spostarsi sia nelle diverse aree del suo territorio che al di fuori di esso attraverso l’assicurazione di numerosi collegamenti aerei. Una buona rete di trasporti equivale a un ampliamento delle possibilità di accesso al lavoro. Bus e treni di qualità avanzata permettono di rendere le varie zone urbane e i centri vicini ben connessi, evitando che alcuni luoghi rimangano isolati. Aeroporti e porti internazionali invece consentono importanti scambi commerciali e culturali, oltre che fornire un servizio fondamentale  per favorire il settore turistico.

Le potenzialità delle città che hanno scalato la classifica mondiale degli investimenti

Le motivazioni che spiegano gli spostamenti all’interno della classifica delle migliori città a livello globale, consistono quindi nella relazione reciproca fra queste dinamiche e gli sviluppi che le hanno caratterizzate. Los Angeles ospita infatti alcuni dei migliori college a livello internazionale, come UCLA o Pepperdine, inoltre ha progressivamente diversificato la sua industria produttiva. La città californiana non predilige esclusivamente la produzione cinematografica ma si è progressivamente distinta per la presenza sul suo territorio della sede di importanti start-up companies in fase di crescita del settore tecnologico. Caratteristiche che attraggono molti giovani laureati, la cui domanda residenziale ha perciò bisogno di essere soddisfatta, così come quella riguardante la realizzazione di uffici che possano ospitare le sedi d’azienda. 

Anche la Cina nel periodo recente ha visto migliorare il tenore di vita dei suoi abitanti. Le sue città si sono impegnate nel creare infrastrutture all’avanguardia e offrire sempre maggiori servizi in risposta all’elevato tasso di urbanizzazione. Questi eventi  hanno condotto ad un incremento degli investimenti immobiliari stimato per un 15 % su base annua solo nella prima metà del 2021 da parte dell’Ufficio statistico nazionale cinese, con Shanghai, Shenzhen e Pechino fra le maggiormente interessate dal fenomeno, tutte inserite da Schroders nella top 30. Nonostante le ultime vicende che hanno interessato negativamente il mercato immobiliare cinese nel 2022, queste città rimangono fra le principali a livello mondiale.

In Europa, Londra continua a interpretare un ruolo estremamente rilevante. Esempio virtuoso di integrazione culturale, mantiene un’economia fiorente grazie alla sua posizione strategica e a infrastrutture avanzate. Inoltre, l’autorevolezza delle sue università è riconosciuta in tutto il mondo. 

Nuove emergenti e prospettive per il futuro

Le tendenze più recenti secondo i report internazionali, presentano uno scenario evolutivo interessante. Primariamente, vi è stato dal 2021 un notevole accrescimento degli investimenti da parte di privati pari al 52 % rispetto a una crescita del 29 % per quanto riguarda gli investitori istituzionali. L’interesse a riversare capitali nel settore immobiliare si concentra prevalentemente nell’ambito residenziale con particolare riguardo per le proprietà di lusso, i cui investimenti secondo le stime dell’agenzia Knight Frank, sono aumentati del 8,4% nel 2021. Altre località cominciano a profilarsi all’orizzonte, presentandosi come nuove rivali, in grado di competere nel mercato immobiliare di lusso, il quale si dimostra abbastanza solido da rimanere fruttuoso anche per i tempi a venire. Fra le città che maggiormente hanno attirato l’attenzione a livello globale, vi sono Dubai, Zurigo e Miami. 

Dubai, Zurigo e Miami. Le nuove frontiere degli investimenti immobiliari

Dubai è una città che sta vedendo fiorire numerosi progetti innovativi, inoltre le politiche economiche in ambito immobiliare si stanno orientando alla vendita di proprietà già costruite o in fase di costruzione. Sicuramente Dubai risponde pienamente alle esigenze di giovani investitori, grazie all’elevata qualità della vita e alla ricca offerta di strutture deputate all’intrattenimento che ne fanno una meta turistica fortemente desiderabile. Inoltre, tra i fattori che possono ancor di più avvantaggiare gli investimenti sono i recenti provvedimenti di agevolazione messi in atto per la transazioni immobiliari e la stabilità economico-politica.

L’elegante Zurigo nel 2022 si posiziona, secondo lo European Thematic Cities Index dell’asset manager Swiss Life, al secondo posto dietro Londra fra le città d’Europa dove gli investimenti sono maggiormente proficui. A contribuire a questa crescita vi è l’aumento della popolazione e la promozione di politiche virtuose a livello ambientale. Anche l’aumento delle reti di connessione hanno portato ad un innalzamento della qualità della vita già molto  elevata.

Nel sud della Florida, dopo la pandemia, gli interessi si sono riversati sulla città di Miami, la quale richiama un bacino di utenza particolarmente benestante. Città costantemente dinamica, e ricchissima di capacità di attrazione turistica, è dotata di ottime risorse per fronteggiare il mercato degli investimenti immobiliari odierno.